×

La storia di Plastipak

Bill Young entra a far parte dell’azienda di famiglia

Bill Young si è laureato presso l’Università di Detroit nel 1967 e ha iniziato immediatamente a lavorare per la società di consegna d’acqua della sua famiglia. Aveva solo sedici anni quando i suoi genitori hanno acquistato la società e Bill è stato coinvolto nell’attività sin dall'inizio.

Bill ha sviluppato una conoscenza approfondita del business dell’acqua e ha capito velocemente le potenzialità del settore. Molte delle innovazioni e gran parte della crescita aziendale che hanno segnato questo periodo sono nate da Bill.

Essendo stato coinvolto nell’azienda di famiglia da una giovanissima età, Bill Young ha fornito una notevole leadership imprenditoriale alla società.

Una di queste innovazioni è stata Plastipak, fondata nel 1967 per offrire una soluzione necessaria a quella che era diventata una sfida seria, ossia movimentare le pesanti taniche da circa 20 litri utilizzate per consegnare l’acqua. Totalmente piene, queste taniche pesavano più di 20 chili e richiedevano una notevole forza per gestirle.

La plastica sembrava la soluzione ideale. Bill ha inizialmente concluso un accordo per acquistare bottiglie di plastica per l’azienda; in un secondo momento ha capito che la maniera intelligente per garantire una pronta fornitura era di fabbricarle internamente. A partire da quell’idea è nata Plastipak e ha dimostrato di essere talmente vantaggiosa da aver stimolato gran parte della crescita successiva della società.

Beatrice Foods acquista Plastipak

Nel 1973 Beatrice Foods ha acquistato Plastipak, confermando Bill Young come direttore regionale. La famiglia Young ha mantenuto una partecipazione nella società anche con la nuova proprietà. La famiglia è rimasta e ha lavorato, non perché fossero maniaci del lavoro, ma perché non hanno mai ritenuto che quello che stavano facendo fosse lavoro.

La famiglia Young ha lavorato con Plastipak come se fosse ancora l’azienda di famiglia, anche dopo averla venduta.

Bill ha gestito l’azienda con molta libertà, e sotto la sua guida, la società ha prosperato, introducendo diversi prodotti di rilievo sul mercato. Uno di questi prodotti, Cap 10, è diventato una delle prime acque minerali gassate nel Paese aromatizzate con essenze naturali di frutta.

Durante questo periodo, Plastipak ha prodotto le sue prime bottiglie in polietilene tereftalato (PET) per un cliente importante, Pepsi.

La famiglia Young riacquista Plastipak

Quando l’azienda Beatrice Foods ha iniziato ad avere problemi, la famiglia Young ha riacquistato la società.

Negli anni successivi, l’attività ha registrato una notevole crescita, e per accogliere l’espansione, la famiglia ha lanciato una nuova consociata, Whiteline Express.

La famiglia Young ha riacquistato l’azienda e ha attuato una serie di mosse per espandere le capacità di Plastipak.

Nel 1983, Plastipak ha creato Whiteline Express, un servizio di autotrasporti. Esso ha fornito alla società un servizio di trasporto economico e alquanto necessario, che oggi serve i clienti da un capo all’altro del paese con infrastrutture presenti negli Stati Uniti sudorientali e centroccidentali.

Nei primi anni ’80, il crescente interesse per l’acqua in bottiglia e la mania nazionale per il fitness hanno stimolato una notevole crescita di tutto il settore e hanno portato l’azienda a espandere la sua operatività e a trasferirsi in una posizione più centrale, a Plymouth, in Michigan.

Plastipak cresce in termini di servizi e miglioramenti tecnici

Nel 1985, Bill Young ha acquistato la Buffalo Don's Artesian Wells per rifornire i mercati in crescita di Chicago e del Wisconsin.

Nel 1989 è stata creata Clean Tech come centro di riciclo della plastica per recuperare e riciclare le bottiglie di Plastipak. Le infrastrutture globali di Clean Tech riciclano oggi miliardi di bottiglie di PET e HDPE ogni anno. In collaborazione con Whiteline Express, Clean Tech ha creato un sistema autosufficiente che offre a Plastipak un netto vantaggio nel settore.

Un altro risultato di quest’anno per il packaging della società è stato produrre il suo primo contenitore per detergente multistrato in HDPE che contiene HDPE riciclato dopo il consumo (rHDPE).

Nel 1989 Plastipak ha ricevuto il premio ambientale di DuPont per lo sviluppo del primo contenitore in PET realizzato con il 100% di resina PCR (rPET).

Plastipak vince il premio ambientale

Nel 1992 le è stato assegnato il premio ambientale di DuPont, che riconosce all’azienda il merito di aver realizzato il primo contenitore per alimenti con il 25% di contenuto di PCR (rPET) per il condimento per insalate di Kraft. Plastipak è riuscita a ridurre il peso del packaging del 19% rispetto al precedente, fornendo al contempo molteplici caratteristiche utili per i consumatori.

La crescita e il riconoscimento delle innovazioni tecniche hanno ispirato un nuovo sviluppo per Plastipak.

Nel 1995 Plastipak ha sviluppato, e oggi gestisce, il primo sistema al mondo di stampaggio a soffiatura ISBM a doppia cavità rotante, producendo contenitori alla velocità di 50.000 bottiglie all’ora. Disponendo dell’operatività più efficiente e più altamente tecnologica possibile nel 1995, Plastipak ha avviato la produzione di packaging per confezioni monodose in PET, producendo circa 1 milione di bottiglie entro fine anno.

Nuova area geografica, Nuove Tecnologie

Nel 1997 Plastipak ha attuato un’espansione nel mercato del packaging sudamericano, accogliendo così una dimensione internazionale dell’operatività.

Nel 1998, Plastipak Holdings ha creato e sviluppato i sistemi a 30 stazioni di estrusione G.E.M. PAK Wheel. Si è trattato di un considerevole miglioramento tecnico, che ha portato questo sistema a essere riconosciuto nel settore per l’efficienza e gli alti livelli di controllo della resa. Il notevole processo Wheel PAK ha fornito rapidità di immissione sul mercato, nonché rispettabili vantaggi reddituali, grazie alla sua tecnologia efficace sotto il profilo dei costi.

Sviluppi di tecnologie esclusive, espansione in Nord America

Nel 2000, Plastipak ha introdotto contenitori con barriera rivestita di carbonio. Questo processo prezioso estende la durata di conservazione di molte bevande gassate ed è oggi una tecnologia comprovata per il risparmio sui costi.

Nel corso del 2002, Plastipak si è ampliata per servire l’aumento della clientela nel sud-est degli Stati Uniti, con nuove infrastrutture in Florida, Alabama, Texas e Louisiana.

Plastipak si espande in Europa

Nel 2004 Plastipak amplia ulteriormente la sua presenza internazionale con il suo ingresso nel mercato del packaging in Europa. Nel corso degli anni successivi, la crescita si è diffusa rapidamente, conferendo a Plastipak una solida presenza europea.

Plastipak inizia la sua operatività come azienda globale con l’aggiunta delle sedi europee.

Nel 2006 è stata lanciata Plastipak Academy come istituto di istruzione superiore all’interno di Plastipak.

Nel 2009 è stata presentata la tecnologia ThermoShape™, una tecnologia innovativa per contenitori leggeri per bevande con riempimento a caldo.

Successi nel rispetto della sostenibilità

Plastipak ha portato a termine iniziative di sostenibilità con il suo primo contenitore realizzato con il 25% di contenuto di PCR (rPET) e l’introduzione di EcoPreform™ nel 2012. Nel 2014, il Direct Object Printing ha ricevuto il Premio d’oro di DuPont per i Progressi tecnologici e il Packaging responsabile e Plastipak ha ottenuto la menzione d’onore come Green Leader di Detroit Free Press Michigan.

Le iniziative di sostenibilità ottengono il riconoscimento

Nel 2014 è stato prodotto per Heineken il fusto per birra in PET, un prodotto che ha cambiato il mercato. In quello stesso anno, è stata acquistata la tecnologia DiamondClear™ con una fruttuosa acquisizione che ha portato anche all’aggiunta di quattro sedi supplementari degli Stati Uniti.

Nel 2014, Plastipak è entrata nel mercato del latte UHT in Brasile.

Nel 2015 Plastipak ha spinto ulteriormente i suoi confini geografici con l’aggiunta della fornitura di bottiglie per Downy Unstopables in Cina.

Nel 2015 è stata consolidata una presenza forte e capillare in Europa, con una valida acquisizione che ha dato origine a varie sedi produttive, tecnologie innovative e l’aggiunta di uno dei più grandi siti di riciclo del mondo.

Più di cinquanta anni di successi

Il 2017 ha segnato il 50° anniversario di Plastipak. Questa tappa ha commemorato mezzo secolo di rapida crescita, di innovazione che ha cambiato il mercato, di successi premiati e dell’inestimabile patrimonio della famiglia Young.

Nel 2017, Plastipak ha inaugurato il Capability Center per presentare prodotti e servizi e diminuire i rischi dei proprietari di marchi. I clienti usufruiscono di dimostrazioni pratiche delle tecnologie chiave presso il Capability Center, crocevia di capacità e abilità di Plastipak.

Plastipak oggi rappresenta circa il 90% del fatturato annuale della società e impiega quasi 6.000 persone in tutto il mondo. La sua inestimabile importanza storica per la comunità imprenditoriale si basa su un pensiero innovativo nel packaging in termini di tecnologia, sostenibilità e praticità.

L’influenza globale di Plastipak si spinge lontano, con più di 40 siti di produzione in Nord America, Sud America, Europa, Africa e Asia.